corraoDettagli evento :
Domenica 19 Novembre ore 21:30
Ingresso Libero – “Quanto Costa? Scegli Tu”
N.B per questa tipologia di evento non è prevista la prenotazione
info: 0965.1971173 – 347.6973297

Un progetto di Marco Corrao che porta in giro l’ultimo disco “STORTO” . Molto apprezzato dalla critica italiana! Guido Michelone su Jazz convention dice “in Storto si fruiscono, assieme a un sound fluidissimo, i colori, gli umori, gli odori di una condizione al contempo fisica e mentale, grazie, oltretutto, ad atmosfere fumose, magiche, riverberate, come pure a storielle efficacemente teatralizzate, pronte insomma a parlare di vita vissuta, di tran tran quotidiano, di atteggiamenti concreti, verosimili, quasi neorealisti, con un filo di autobiografismo”
Un blues Jazzy che affonda le sue radici nel mediterraneo e strizza l’occho ai ritmi africani.
La componente Blues e di certo quella africana non mancano nel repertorio del cantautore siciliano, in questo concerto il tutto viene impreziosita dall’ armonica cromatica suadente e piena di colori del musicista Giuseppe Milici.
Marco Corrao
giovane musicista cantautore siciliano, ha alle spalle collaborazioni importanti come quella con Eugenio Finardi per il live di Anima Blues, Francesco Cafiso e Giuseppe Milici .Tour in Italia, Svezia, Danimarca, Inghilterra ed un Tour Americano che ha toccato gli stati della Georgia, Florida, Tennessee Arkansas. A Marzo 2016 è uscito il disco “Storto” con la produzione artistica del percussionista musicista Giorgio Rizzo Mrm Records, IRD. Nel 2018 uscirà l’album “Nebros” con la produzione di Jono Manson, già produttore e collaboratore di Edoardo Bennato, The Gang e molti altri artisti internazionali e nazionali. Produce il miglior inedito, Premio Ciampi 2016 Sara Romano col brano Ciricò. Il 2017 lo vede impegnato in vari concerti, tra i quali quello all’ Auditoriom RAI Sicilia, nella composizione,insieme a Gabriele Giambertone, di una colonna sonora per il documentario DIARIO DI TONNARA, documentario sulle tonnare siciliane e sarde, Regia di Giovanni Zoppeddu, prodotto da Istituto LUCE.